CASTELLO DI BURGOS

 

MUSEO DEI CASTELLI DI SARDEGNA

200 anni dopo la costruzione del castello nacque il paese di Burgos. Al centro del paese, negli spazi di un'antica casa padronale, è possibile visitare il Museo dei Castelli di Sardegna, che ospita un percorso multimediale sui castelli della sardegna e un museo della vita contadina.

Il Museo è strutturato in tre ambienti tematici: una prima parte ospita mostre temporanee sul tema dei castelli, l'altra riguarda l'esposizione di carte tematiche che indicano le torri costiere di età spagnola e i punti strategici di difesa dell'isola. Infine, l'altra area è interamente dedicata alla ricostruzione della vita contadina, con l'esposizione di strumenti di lavoro dell'epoca e utensili di fogge diverse che illustrano il lavoro e la fatica degli uomini e delle donne del tempo.   

 

 

FORESTA BURGOS

La foresta di Burgos si trova a metà strada tra Burgos e Bono ed è una meta molto apprezzata da turisti e abitanti della zona. Sono ancora visibili le rovine del vecchio Centro di Allevamento Governativo, delle razze equine e le caserme del centro di addestramento dei carabinieri a cavallo. Infatti, sono ancora presenti allevamenti di asinelli sardi, dell'asinello bianco dell'Asinara e del cavallo di razza anglo-araba-sarda. Si alleva inoltre il pony sardo, denominato Giarab, perchè nato dall'incrocio tra fattrici della Giara e stalloni arabi.

La Foresta di Burgos è il punto di partenza per interessanti escursioni.

 

 

MONTE PISANU

La foresta demaniale di Monte Pisanu si estende nei territori di Bono e Bottidda per una superficie di 2210,4 ha.

Il paesaggio vegetale è dominato dalla Roverella, dalla Sughera e dal Leccio. In località "Sos Nibberos" si possono ammirare i Tassi millenari, dichiarati "monumento naturale" dalla Regione Sardegna nel 1994. Presso la casa forestale si trova il Centro Servizi di supporto all'educazione ambientale e alla visita della foresta. E' possibile visitare il bellissimo e ricco vivaio e la xiloteca sulle essenze arboree ed arbustive della Sardegna, sia spontanee che esotiche e si può ammirare anche una mostra fotografica sulla storia forestale del Goceano. Nella zona circostante la casa forestale è stato recentemente realizzato un parco avventura con numerosi giochi ed una buona rete di sentieri da escursionismo ben segnalati e dotati di cartografia, come il sentiero di San Francesco, nei dintorni della tenuta Giannasi e del Monte Rasu, che offre la possibilità di ammirare un paesaggio unico e suggestivo nello scenario offerto dal percorso storico-religioso omonimo e la Sughera secolare nella vicina località Pedras Rujas.

 

CASEIFICIO "SA COSTERA"

La cooperativa Sa Costera nasce nel 1966 e da allora è sempre stata la più grande realtà produttiva del Goceano, con i suoi 500 soci. Si trova ad Anela, in località Torra Ischizzarolu. Il caseificio si avvale di moderne macchine e produce una vasta gamma di formaggi e derivati per soddisfare i bisogni dei consumatori più esigenti. Nel caseificio si producono principalmente: il Pecorino Romano D.O.P. , il Sandalio, Sa Costera, Il Nuraghe, la Caciotta e le Perette, la Ricotta ed il Gotianu (formaggio vaccino dolce).